LA CHIOMA DI BERENICE E LE INTERVISTE AL CONTRARIO


Le interviste al contrario: Vito Ditaranto


Salve scrittori, oggi Berenice è stata chiamata dalle profondità dello spazio cosmico per rispondere alle domande di uno scrittore molto bravo, ma ancora poco conosciuto, e per questo meritevole di più attenzione: Vito Ditaranto, autore del recente e già noto Vitriol – l’artigliatore, edito con la casa editrice Le Mezzelane. Ma Vito ha scritto anche altre storie, ed è un blogger e recensore di successo.  Vediamo subito cosa vorrebbe sapere il nostro autore dalla Chioma di Berenice.

Vito Ditaranto: Berenice dimmi, sarò in grado di controllare il futuro attraverso il mio passato?

Berenice: qui ci vuole mago Merlino per rispondere a una domanda così potente, ma come saprai Merlino è intrappolato nella foresta di Brocelandia, perché scioccamente confidò a Viviana, la Dama del lago, la magia suprema. Proverò a risponderti, pensando proprio a quanto è accaduto al povero Merlino. Se resterai nel tuo potere personale di scrittore e non cederai a lusinghe di alcun tipo sì, controllerai il tuo futuro partendo dal tuo passato. 
Dovrai restare fedele al tuo genere se non vorrai diventare invisibile, come il povero mago Merlino.







V. Il mio libro Vitriol-l’artigliatore rappresenta un viaggio interiore tra passato, presente e futuro dal punto di vista esoterico-simbolico. Potrebbe rappresentare la ricerca della mia anima perduta nel tempo?

B. cominciamo a osservare il tuo tema natale e diciamo subito che la tua anima ha viaggiato nel Tempo, ma non si è perduta. È simbolicamente rappresentata dalla Luna, che nel tuo caso specifico è collocata nel segno concreto di Terra della Vergine.
Significa che si sta organizzando le idee. Dalle fiducia. Ha viaggiato nello spazio e nel tempo, ma ora è qui.


V. Qual è la scrittura che più rispecchia il mio modo di essere attraverso le stelle? La Luna che spesso illumina le mie opere incontrerà un giorno la luce del Sole?

B. Sei nato scrittore. È vero che il tuo Sole di nascita è in Toro, segno stabile e concreto di terra, che cerca e da sicurezze materiali e affettive, guidato dalla gentile Venere, che ti illumina anche dal tuo ascendente, in Bilancia. È vero pure che Venere esalta la tua sensibilità e la tua ricerca del bello e dell’equilibrio. Non scriverai mai qualcosa di non bello o disarmonico. L’astro che però determina il tuo successo di scrittore è Mercurio, il pianeta dell’intelligenza agile, brillante, dell’eloquio che ammalia, della penna fluida, incantatrice. Il tuo Mercurio di nascita si trova nel tuo segno di nascita, il Toro, e questo può essere solo un bene, perché combatte la naturale pigrizia dei nativi Toro. 


Inoltre è collocato nell’ottava casa, quella del mistero e dell’occulto. Hai notevoli doti intuitivi, al limite del paranormale. I tuoi campi di indagine più fecondi sono quelli legati all’esoterismo, e Vitriol ne è la conferma.

V. Potrei scrivere un libro più sentimentale dedicato magari a mia figlia Miriam, rispetto ai thriller che scrivo solitamente?

B. La linea del successo passa nel tuo tema natale attraverso il segno del Cancro, simbolicamente collegata ai figli. Questo mi porta a dirti che una buona parte del successo per te arriverà dai figli. Sicuramente per te sarà una forte realizzazione personale, che passerà anche attraverso la scrittura di un romanzo, o una fiaba, che abbia come argomento i figli.

V. A volte penso di aver bisogno di una spugna per cancellare il passato, e un bacio della Luna per salutare il futuro, magari con un libro che possa lasciare il segno?

B. Il passato si alimenta solo se gli diamo potere. Saturno, il Signore del Karma, nel tuo piano natale ti ha portato la capacità di decidere per il meglio in ogni situazione, e ti invita ad agire con razionalità e intuito allo stesso tempo. Saturno è collocato nell’ottava casa, un posto buio, dove è facile perdersi, sulla soglia dell’invisibile. Eppure lui ti sta infondendo la capacità di essere una roccia, pur nelle difficoltà. Il bacio della Luna sta arrivando, non è lontano e lascerà il segno.

V. Amo i thriller e i noir, ma credi che loro amino me, o meglio, ho sempre pensato che uno vive se c’è un altro che crede in lui. Mi basterebbe sapere che le stelle credano in me, e che magari a volte mi sorridano. Che ne pensi?

B. Penso che il primo a dover credere in te sei proprio tu. Però ti faccio felice perché le stelle credono in te, e ti hanno donato alla nascita, ottimi strumenti per riuscire a realizzare la tua strada di scrittore. È chiaro che gli attrezzi da soli non si muovono, ci vuole l’atto di volontà da parte tua, e prima ancora il sogno. Plutone in Vergine ti rende medianico, quindi la tua scrittura potrebbe arrivare anche da altri mondi e da altre dimensioni, a te solo in parte sconosciute. Giove in prima casa ti invita a credere nella Fortuna, che arriva quando meno te lo aspetti, come conferma Urano dal tuo ascendente. Improvvisi cambi di scena ci sono stati e ci saranno, ma Urano ti regala anche la via d’uscita, improvvisa, inaspettata, e Giove la Fortuna. 

V. A volte nei miei romanzi penso di aver patito di irrealtà raccontata dalla realtà dei fantasmi delle mie opere, e che magari si materializzeranno nei sogni di un lettore incapace di sognare?

B. Venere quadrata a Plutone ti porta a esagerare nel dramma, dove per fortuna non ti perdi, grazie a Marte, in Gemelli, che ti sveglia la mente e favorisce la concentrazione. La tua è una intelligenza di tipo scientifico, portata alle novità tecnologiche. I fantasmi che ti aleggiano intorno abitano la tua ottava casa, ma non devi preoccuparti, perché sai dominarli.


V. Allora per concludere, secondo te, il futuro che colore avrà? Rosa, nero oppure porpora?


B. Sarà porpora, perché ti esprimerai bene miscelando le tinte del cuore, dei sentimenti, ma saprai aggiungerci il rosso della passione e un po’ di nero, per quel brivido dell’occulto che non guasta mai. Se vorrai fare qualcosa di diverso, prova anche col giallo. Credo che ti piaccia e non stona col il tuo tema natale. Il mistero ci sarà sempre, la ricerca esoterica lo stesso. L’amore, anche. L’erotismo…no!


Berenice ora ti saluta e va.



***


Buona domenica a tutti, cari lettori. Oggi vi facciamo conoscere la nostra "Berenice", che già vi abbiamo presentato qualche giorno fa, e le sue interviste al contrario. Non è lei a intervistare l'autore del mese, ma è lo stesso autore che potrà chiederle quello che vuole, dopo che la magica Berenice avrà studiato la sua Casa natale e i suoi astri. Per bisogno e per diletto sono stata la prima a sottopormi all'analisi di Berenice e...quello che lei ha scoperto è incredibilmente vero. Vi va di leggere? Se l'intervista al contrario vi piacerà non esitate a contattarci tramite messaggio privato sulla pagina Facebook. Berenice vi contatterà per sottoporsi alle vostre domande e  per soddisfare la vostra curiosità. ( Servizio gratuito)

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Berenice scuote la sua chioma e come polvere di stelle piovono risposte agli interrogativi dei nostri autori, curiosi di conoscere quali doni sono nascosti per loro nelle profondità siderali.
La prima scrittrice che si spinge fino a Berenice è Lorena Marcelli, creatrice di questo blog e autrice di romanzi noti e appassionanti, citiamo come esempio lo storico L’Enigma del Battista. Ma Lorena è versatile anche in altri tipi di scrittura.
Lorena: Berenice dimmi, che luce speciale irradiano le stelle su di me?

Berenice: tu Lorena sei una Bilancia, un’esteta, una che cerca la bellezza e la perfezione. Inoltre il tuo ascendente è anch’esso in Bilancia, quindi nel tuo caso parliamo di segno puro. Tutte le qualità e tutti i difetti sono amplificati.


L. Qual è la scrittura che più si addice al mio tema natale? 

B. La quinta casa, quella della creatività, in questo caso artistica, nel tuo tema natale occupa il segno dei Pesci, il più sensibile, il più vicino all’infinito, il più fantasioso e delicato, romantico e complesso. In questa quinta casa troviamo Saturno, il pianeta del Tempo, del passato, della Storia.


L. Quindi non è un caso aver scritto un romanzo storico?

B. No, non è un caso. L’Enigma del Battista era scritto nelle stelle, come pure i romanzi erotici.


L. C’è un influsso particolare sulla scrittura erotica?

B. Certo, è il pianeta Mercurio, che ispira la scrittura, collocato nel sensualissimo segno dello Scorpione. Anche questo era scritto nelle stelle. Le storie d’amore che nascono in Paesi stranieri, sono suggerite invece da Venere, il pianeta dell’amore collocato nel Sagittario, legato ai viaggi all’estero. Nascono così gli amori stranieri che vivono tra le pagine dei tuoi romanzi.

L. E la strega di Kilkenny? Quale pianeta me l’ha ispirata? 

B. Nettuno, il pianeta che governa i Pesci, il segno più sensitivo dello zodiaco, nel tuo tema natale si trova in Scorpione, il segno dell’occulto, del mistero. Strega per destino di nascita stellare, non poteva essere altrimenti.




L. Mi lasci un indizio per il futuro?

B. Continua sulla strada che le stelle ti hanno tracciato davanti. Berenice ora va.








Commenti

Post più popolari