giovedì 26 aprile 2018

Recensiamo

Pieve Cipolla
Gianpiero Pisso

Le Mezzelane Casa Editrice

Ebook € 5,99
Carteceo €  15,90
Link per l'acquisto:


Sinossi

Pieve Cipolla è un tipico paesino della Val Seriana, uno di quei piccoli paesi in cui la vita è un po’ rude, ma idilliaca, scandita dai tempi della natura e in cui non succede mai nulla. Gli anziani trascorrono il loro tempo giocando a carte, a bocce, bevendo qualche bicchiere di vino rosso in compagnia e raccontandosi le storie di tutti i giorni, perfino quelle che parlano di mostri orribili, creature terrificanti che giurano di aver visto tra i boschi e i pascoli della valle. I giovani invece attendono il momento propizio per lasciare il luogo natio, alla ricerca di fortuna e di opportunità concrete per le loro carriere e tutto ruota intorno alle autorità riconosciute: l’autorità religiosa, rappresentata dal parroco; quella sociale e politica, impersonata dal primo cittadino e quella legale, vale a dire dal maresciallo dei Carabinieri. Ma siamo davvero sicuri che la vita a Pieve Cipolla sia poi così noiosa? Leggendo questo libro non si direbbe proprio…


****

Ho iniziato a leggere “Pieve Cipolla” di sera, dopo una giornata abbastanza pesante, e ho chiuso il libro la sera dopo, con le lacrime agli occhi e con una buona dose di ottimismo che mi mancava da un po’. Una volta conosciuti gli abitanti di Pieve Cipolla, il romanzo umoristico di Gianpiero Pisso, è difficile lasciarli per troppo tempo. L’autore, con uno stile diretto, semplice, ironico e dissacrante (proprio come sono i suoi protagonisti), ci fa entrare nella vita degli abitanti di un paese, che lui chiama Pieve Cipolla ma che si potrebbe chiamare in mille altri modi diversi, situato nell’alta Val Seriana. Chi è nato in una grande città, probabilmente, faticherà non poco a entrare nei meccanismi di “paese”. Chi in un paese piccolo ci è nato sul serio (e io vi nacqui), invece, riconoscerà ogni singolo personaggio che si muove fra le vie, nei bar e nelle case di Pieve Cipolla. Sì, perché i personaggi di Gianpiero Pisso si chiamano Augusto Chiodini, Ersilia, Teo, Mariolino, Giannino, don Roberto e via dicendo, ma potrebbero chiamarsi in qualsiasi altro modo, e rimarrebbero sempre così tanto ben caratterizzati, anche se le vicende raccontate si svolgessero al sud.
L’autore raccomanda ai suoi lettori di non cercare Pieve Cipolla sulle cartine geografiche perché il suo è un paese che non esiste. Eppure, di paesi che somigliano a Pieve Cipolla ne esistono centinaia in tutta Italia, e la cosa bella è che lì si ritrova una comunità che ha ancora il sapore di famiglia, di appartenenza a una terra e alle proprie abitudini e tradizioni. Una vita semplice e apparentemente banale ma che banale non è affatto. Tutti sanno tutto di tutti (e il gioco di parole ci sta benissimo) e, proprio per questo, ogni abitante è parte integrante della vita degli altri. Può sembrare un’ingerenza, una violazione della privacy…ma non è affatto così. Io la chiamo famiglia allargata. La famiglia dalla quale ritornare quando si ha bisogno di sentirsi veramente a “casa”.
Secondo me questo non è semplicemente un romanzo umoristico, pur essendolo sul serio. Chi sa leggere fra le righe riuscirà a capire il vero senso di questa storia e ne coglierà l’aspetto più importante e commovente. Gianpiero Pisso lancia un messaggio sociale davvero profondo con “Pieve Cipolla”, raccontando uno stile di vita che si è perso un po’ dappertutto e rilanciando, attraverso la narrazione, la promozione di un territorio “sano” che in molti tendono a dimenticare, oltre alle bellezze naturali delle vallate bergamasche, le loro tradizioni e l’enogastronomia locale. Un romanzo che è molto più di un romanzo: è un vero spot pubblicitario che fa venire voglia di fare le valigie e di andare a visitare una qualsiasi Pieve Cipolla.


Nato in provincia di Varese, sul Lago Maggiore, dove attualmente risiede con la sua famiglia, l’autore è laureato in ingegneria aeronautica e ha, per molti anni, lavorato come dirigente industriale in grosse società italiane e multinazionali straniere.
Ama viaggiare e dedicarsi alle sue tre principali passioni: scrivere, leggere e dipingere ad acquarello.
La sua narrativa, sempre attuale e talvolta ironica, rifugge dagli eccessi e vuole proporsi come una lettura spensierata, disinvolta e scacciapensieri. Vincitore del premio nazionale “Le Porte del Tempo” 2012, categoria Saggistica, con l’opera: La profezia del Cristo Pagano, edita da Eremon Edizioni. Ha pubblicato anche con Kindle l’e-book Rudiobus, il cavallo d’oro e con Eretica Edizioni, nel 2016, il suo romanzo mistery: La Tela del Maligno. Con Pieve Cipolla l’Autore si è classificato al secondo posto al Premio Nazionale, editi e inediti, Parole di Terra 2016/17.

Nessun commento:

Posta un commento

I Post più letti

Recensiamo

Due uomini e una culla Andrea Simone Due uomini e una culla Prefazione di Lella Costa € 15,00 - Golem edizioni Spesso si diventa ...